BLOG

SVHC: notifica sostanze preoccupanti

Normativa per la notifica sostanze preoccupanti SVHC

Di seguito, illustriamo la direttiva quadro sui rifiuti (direttiva 2008/98/CE rivista e entrata in vigore nel luglio 2018) per affrontare gli effetti negativi della produzione e della gestione dei rifiuti sull’ambiente e sulla salute umana ha conferito all’ECHA (agenzia europea per le sostanze chimiche). Questa introduce il compito di sviluppare una banca dati con informazioni sugli articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) presenti nell’elenco di sostanze candidate (elenco periodicamente aggiornato).

 

Soggetti sottoposti alla direttiva 2008/98/CE

Dal 5/01/2021, le seguenti figure sono tenute a seguire la disciplina sopra citata.

  • Fabbricanti e assemblatori con sede nella UE

  • Importatori con sede nella UE

  • Operatori commerciali con sede nell'UE e altri attori della catena di approvvigionamento

Questi hanno l’obbligo di notificare all’ ECHA gli articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti SVHC incluse nella Candidate List (https://echa.europa.eu/it/candidate-list-table) in concentrazioni superiori allo 0,1% peso/peso. Nella notifica vanno inserite le relative informazioni di sicurezza.

Servizi garantiti da Sicurema

Sicurema è in grado di aiutarvi nella gestione di tale adempimento. Più precisamente, garantisce i seguenti servizi:

1) la verifica delle sostanze preoccupanti incluse nei prodotti (materie prime prodotti e semilavorati);

2) eventuale notifica all' ECHA di tali prodotti;

3) procedura specifica degli approvvigionamenti al fine di recepire le informazioni dai vari fornitori sui prodotti che contengono sostanze preoccupanti.