BLOG

Settore privato: definito il nuovo Protocollo Nazionale per il lavoro agile

Il Protocollo ha come punto di riferimento la contrattazione collettiva in materia di lavoro agile, sulla base dei principi stabiliti della L. 22 maggio 2017, n. 81.

Di seguito elencate le principali previsioni contenute nel Protocollo:
- l'adesione al lavoro agile è su base volontaria e previo accordo individuale tra azienda e lavoratore, ai sensi degli artt. 19 e 21 della L. 81/2017;
- l'accordo deve definire in modo chiaro: durata, alternanza, luoghi esclusi, strumenti, tempi di riposo e disconnessione (con possibilità di organizzazione in fasce orarie definite), forme di controllo, attività formativa, esercizio dei diritti sindacali;
- l'accordo può essere rescisso prima della scadenza, da entrambe le parti, senza preavviso e per giustificato motivo;
- non sono ammessi provvedimenti disciplinari o licenziamento in caso il lavoratore si rifiutasse di adempiere al lavoro agile;
- l'accordo non muta la possibilità di richiedere permessi orari e permessi personali familiari, così come il diritto alla disconnessione in caso di malattia, infortuni, permessi retribuiti, ferie;
- normalmente la prestazione di lavoro agile non prevede straordinari;
- il lavoratore è libero di decidere il luogo ove svolgere la prestazione in modalità agile, purché lo stesso abbia caratteristiche tali da consentire la regolare esecuzione della prestazione, in condizioni di sicurezza;
- il datore di lavoro, di norma, fornisce la strumentazione tecnologica e informatica necessaria allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile; strumentazione che deve rispettare quanto definito dal D.Lgs. 81/2008;
- ai lavoratori agili si applica la disciplina di cui agli art. 18, 22 e 23 della Legge 81/2017 e gli obblighi di salute e sicurezza sul lavoro di cui al D.Lgs. 81/2008 previsiti per le "prestazioni rese all'esterno dei locali aziendali, ossia quelli relativi agli obblighi comportamentali", per i quali è prevista la consegna, almeno annuale, di una specifica informativa scritta;
- rimane l'obbligo per i lavoratori di cooperare all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione per fronteggiare i rischi connessi all'esecuzione della prestazione di lavoro agile.
 
Per tutti i dettagli, consulta il Protocollo.