BLOG

Lavoro in quota: nulla si improvvisa. Il piano di sicurezza e coordinamento

Lavori in quota sicuri con il piano di sicurezza e coordinamento

lavori in quota comportano particolari condizioni che espongono i lavoratori a rischi accidentali di caduta. Per questo il Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro D.lgs 81/08 attribuisce particolare rilevanza al piano di sicurezza e coordinamento per i lavori in quota, dedicandogli il Capo II, titolo IV.

Vediamo meglio di cosa si tratta.

Lavori in quota: cosa sono?

Con questo termine si indicano tutte quelle mansioni svolte a oltre due metri di altezza rispetto a un piano stabile e che comportano rischi di caduta. Rientrano in questa definizione anche i lavori di scavo il cui dislivello supera, appunto, due metri.

Il Testo Unico definisce norme e procedure per una prevenzione degli infortuni sul lavoro, attraverso una identificazione e valutazione dei rischi.

La gestione del rischio in questo ambito è particolarmente delicata, perché gli infortuni principali derivano da cadute le cui conseguenze sono spesso gravi e addirittura letali. 

I rischi, in particolare derivano da:

  • caduta oggetti e altro materiale dall’alto
  • caduta dell’operatore con sospensione inerte
  • caduta dell’operatore con ferite di vario tipo e livello 

Sicurezza in cantiere: lavoratori e non addetti ai lavori

In materia di sicurezza dei cantieri, si devono prendere in considerazione due aspetti: l’isolamento del cantiere rispetto a estranei, i cosiddetti non addetti ai lavori, e la tutela dei lavoratori addetti al cantiere stesso.

Allo scopo di tutelare i non addetti ai lavori, personale circolante nei pressi di impalcature o di altre parti esposte alla caduta oggetti per la presenza di lavoratori in quota ed evitare incidenti, la zona di lavoro deve sempre essere recintata, bisogna interdire il passaggio sotto ponti o altre strutture sospese e regolare gli accessi.

POS: Piano Operativo di Sicurezza

Tra gli obblighi del datore di lavoro vi è quella della redazione di un preciso e puntuale Piano Operativo di Sicurezza, nel quale rientrano anche le protezioni collettive e individuali da approntare in cantiere.

Nei piani operativi di sicurezza rientra la pianificazione di installazione e utilizzo di:

  • protezioni collettive: rientrano in questa categoria i parapetti e le reti di sicurezza, ma anche i ponteggi metallici fissi 
  • dispositivi di protezione individuale (DPI): imbracature, dispositivi di ancoraggio, elmetti ecc.

La scelta dei dispositivi da mettere in campo viene effettuata dal datore di lavoro (valutazione dei rischi aziendali), alla luce dell’obbligo di sicurezza. Le misure, pertanto, devono essere adeguate al cantiere e al grado di rischio che si presenta. 

Gli addetti ai lavori devono essere formati riguardo l’utilizzo corretto dei DPI mediante corsi appositi e la procedura di sicurezza per i lavori in quota.

PiMUS: cos’è?

Nel lavoro in quota il ponteggio rappresenta un punto chiave essenziale per la sicurezza nel cantiere. È necessario che esso sia robusto, adeguato al tipo di carico che deve gestire, ancorato correttamente. 

Le ditte esecutrici hanno l’obbligo di acquistare ponteggi forniti di autorizzazione ministeriale, rilasciata al produttore, e di piano di montaggio uso e smontaggio dei ponteggi (pimus ponteggi). Questi documenti devono essere conservati ed esibiti in caso di sopralluogo. 

Il PiMUS ha lo scopo di tutelare chi lavora sulle impalcature, gli altri lavoratori e i passanti, deve essere redatto e firmato dal datore di lavoro o da persona competente.

Chi controlla? Il ruolo del CSE

Il datore di lavoro è tenuto a verificare che la procedura di sicurezza per i lavori in quota venga rispettata da ogni singolo addetto. 

A questo scopo è necessario che il committente dei lavori nomini un coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione (CSE), la cui figura, abbastanza ricca e complessa, opera in presenza durante l’esecuzione dei lavori, vigilando sul rispetto delle misure di sicurezza da parte dei lavoratori e delle imprese. Si tratta, in altre parole, del responsabile salute e sicurezza sul lavoro.

Hai bisogno di aiuto per la gestione della sicurezza di cantiereContattaci