BLOG

La figura del Covid Manager

L’emergenza epidemiologica da Covid-19 ha comportato, specialmente nella conduzione dei cantieri edili e stradali, una serie di problematiche sanitarie ed economiche, e l’assunzione di nuove responsabilità in capo a tutte le figure che operano nei cantieri: per questo motivo è stata individuate la figura di Manager Covid-19 nei cantieri che si occupi dell’attuazione, monitoraggio e controllo delle misure anti-contagio.
Il principale riferimento per le misure di sicurezza nei cantieri in azienda è il “Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro nei cantieri edili”, elaborato in data 14 marzo 2020, e aggiornato in data 6 Aprile 2021.
Pur non essendo richiamata nella normativa di riferimento, e fermo restando il quadro dei soggetti della prevenzione aziendale definito nel Testo Unico di Sicurezza, non mancano iniziative regionali e casi di studio in cui si prospetta questa figura.
Un buono spunto è arrivato dalla Regione Veneto: l’Area Sanità e Sociale – Direzione Prevenzione, Sicurezza alimentare, Veterinaria, durante la Fase 2 dell’emergenza ha prodotto un Documento dal titolo: “Nuovo coronavirus (SARS-CoV-2). Indicazioni operative per la tutela della salute negli ambienti di lavoro non sanitari – Manuale per la riapertura delle attività produttive”.
Il Manuale dettaglia i compiti di una figura specifica: il “Covid Manager” o “Addetto alla sicurezza per il Covid-19” (ASC) con compiti di coordinamento per l’applicazione delle misure anti-contagio in azienda.
In linea di massima tale figura dovrà svolgere in cantiere i seguenti compiti e mansioni:
  • presidiare l’ingresso del cantiere e controllare l’entrata e l’uscita degli operai;
  • misurare la temperatura degli operai con termo scanner od altri strumenti similari;
  • controllare l’accesso dei fornitori e dei visitatori del cantiere;
  • gestire il magazzino dei DPI ed in particolare distribuire le mascherine agli operai, i guanti monouso, le tute, gli occhiali ecc.;
  • sostituire i detergenti alcolici esauriti, le salviette mono uso, i rotoloni di carta ecc.
  • presenziare alle turnazioni della mensa ecc.
  • controllare l’effettuazione della pulizia e della sanificazione degli ambienti, degli automezzi e degli attrezzi di lavoro.
L’ASC deve essere una figura idoneamente formata da parte del personale qualificato (RSPP, ASP, RSC, ecc.) dell’impresa appaltatrice presente in cantiere in almeno due addetti, anche per garantire eventuali impedimenti temporanei di uno di essi.
Il corso di formazione dovrebbe avere una durata di almeno tre ore. Inoltre, sarebbe opportuno lasciare traccia dello svolgimento del corso, con un verbale da redigere dal docente e firmato dai partecipanti per l’attestazione della presenza.