BLOG

DECRETI RIFORMA AL D.M.10 MARZO 1998: Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale 3 decreti che ad Ottobre 2022 andranno ad abrogare completamente il Decreto del 10 Marzo 1998. Vediamo di quali decreti si tratta.
 
  • Decreto 1 Settembre meglio noto come ‘Decreto Controlli’ definisce appunto i criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, delle attrezzature e degli altri sistemi di sicurezza antincendio. Entrerà in vigore il 25/09/2022, e abroga l’articolo 3, comma 1, lettera e), l’articolo 4 e l’allegato VI del decreto del Ministro dell’interno del 10 marzo 1998.
Il Decreto CONTROLLI (DM 1° settembre 2021) prevede che:
  • gli interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti, le attrezzature e gli altri sistemi di sicurezza antincendio vengano eseguiti e registrati secondo la regola dell’arte secondo i criteri indicati nell’Allegato I al decreto.
  • gli interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti e le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio vengano eseguiti da tecnici manutentori qualificati. Nell’Allegato II del decreto vengono indicate le nuove modalità di qualificazione del manutentore, che risulta valida su tutto il territorio nazionale.
 
  • Decreto 2 settembre meglio noto come Decreto GSA (GESTIONE SICUREZZA ANTINCENDIO) si divide in:
    1. Gestione Sicurezza Antincendio IN ESERCIZIO à All. I:
      • Valutazione del rischio incendio
      • Formazione degli addetti (ore, argomenti, periodicità in All. III, All. IV + All.5 per formazione docenti)
      • Organizzazione esercitazione emergenza
 
  1. Gestione Sicurezza Antincendio IN EMERGENZA à All. II
    •  Piano di Emergenza OBBLIGATORIO:
      • LUOGHI DI LAVORO CON ALMENO 10 DIPENDENTI
      • LUOGHI DI LAVORO APERTI AL PUBBLICO CON PRESENZA CHE SUPERA LE 50 PERSONE (anche se meno di 10 lavoratori, con procedure semplificate)
      • LUOGHI DI LAVORO PER I QUALI È PREVISTO DAL 151/2011
      • AGGIORNATO IN OCCASIONE DI OGNI MODIFICA
Il Piano di Emergenza obbligatorio, deve riportare:
  • Cosa fare in caso di incendio
  • Procedure di evacuazione
  • Disposizioni per richiedere intervento dei VV.F.
  • Misure per assistenza a persone con esigenze speciali
  • N° e nominativo di addetti
  • N° persone presenti compresi lavoratori con particolari rischi o esigenze particolari
  • Caratteristiche dei luoghi e degli impianti di rilevazione e di allarme incendio
  • Planimetrie
 
  • Decreto 3 Settembre 2021 entrerà in vigore ad Ottobre 2022 ed ha introdotto i criteri per la sicurezza antincendio in tutti i luoghi di lavoro, eccetto i cantieri temporanei o mobili.
Il decreto noto anche come Decreto Minicodice, prevede inoltre che:
1. Le regole tecniche di prevenzione incendi stabiliscono i criteri di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per i luoghi di lavoro per i quali risultano applicabili.
2. Per i luoghi di lavoro a basso rischio di incendio, i criteri di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio sono riportati nell’allegato I e possono essere quelli riportati nel decreto del Ministro dell’interno 3 agosto 2015.
3. Per i luoghi di lavoro non ricadenti nei casi sopra menzionati, i criteri di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio sono quelli riportati nel decreto del Ministro dell’interno 3 agosto 2015.
I criteri di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio sono:
  • quelli contenuti nelle le regole tecniche di prevenzione incendi per i luoghi di lavoro per i quali risultano applicabili.
  • quelli di cui all’allegato 1 del DECRETO MINICODICE per i “luoghi di lavoro a basso rischio di incendio” (o in alternativa quelli del DM 3/8/20215);
  •  quelli del Codice di prevenzione incendi (decreto del Ministro dell’interno 3 agosto 2015) per tutti i luoghi di lavoro diversi (che quindi non sono regolati da norme tecniche e non sono a basso rischio ai sensi del Decreto MINICODICE).