BLOG

Corso carrellisti: la normativa sull'aggiornamento ordinario e quello straordinario

L'aggiornamento del patentino da carrellista

Il D. Lgs. n. 81/2008 e l’Accordo Stato-Regioni del 2012 sono le principali fonti normative per la disciplina della conduzione di carrelli elevatori. Questi documenti entrano nel dettaglio dei corsi e dei requisiti necessari per ottenere il patentino tanto quanto delle disposizioni che devono essere seguite per il rinnovo. Secondo quanto prescritto, l'operatore deve seguire i corsi di aggiornamento di quattro ore (indipendentemente dal tipo di patente di cui è in possesso) ogni cinque anni o ogni volta che si accertano “modifiche sostanziali delle attrezzature”. Nel pezzo che segue entreremo nel dettaglio delle scadenze. Vale la pena ricordare fin da subito che, come le lezioni e gli esami, anche l'aggiornamento dell'abilitazione deve essere promosso e gestito da un ente accreditato. Per maggiori informazioni sul corso carrellisti, non esitate a contattare la sede di Sicurema.

I corsi di formazione per carrellisti: scadenze ordinarie e straordinari

La scadenza dei 5 anni e la formazione carrellisti

Nel paragrafo introduttivo, abbiamo accennato che il corso carrellisti di aggiornamento deve essere sostenuto ogni cinque anni in via ordinaria. Ciò vale per gli operatori abilitati alla conduzione di: carrelli industriali semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico, carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi. La durata è di quattro ore, durante le quali saranno affrontate tutte le novità tecniche e normative attraverso un momento formativo pratico-teorico. Va da sé che, il formatore scelto dall'ente accreditato deve avere una consolidata competenza sulla disciplina giuridica tanto quanto sul modello di carrello elevatore impiegato. Sebbene l'aggiornamento ordinario sia fra i più frequenti, spesso occorrono cambiamenti dei macchinari che richiedono l'apprendimento di conoscenze specifiche.

Le modifiche sostanziali delle macchine

Oltre ai rinnovi ordinari, all'operatore sarà chiesto di partecipare ai corsi di quattro ore anche in caso di “modifiche sostanziali dell'attrezzatura” impiegata. Per entrare nel pratico, ammettiamo che l'operatore abbia ottenuto il patentino per la conduzione di un modello tradizionale con forche anteriori. La sua qualifica avrebbe validità per cinque anni in condizioni normali. Tuttavia, ammettiamo che la macchina utilizzata dovesse cambiare, ad esempio il nuovo carrello potrebbe avere le pinze. In questo caso, l'operatore dovrà sostenere il corso di aggiornamento di quattro ore anche qualora dovessero mancare diversi anni alla scadenza della sua autorizzazione.

Il rinnovo e i corsi per carrellisti: le prove pratiche

Come anticipato, il corso carrellisti per il rinnovo del patentino dura quattro ore. Di queste, almeno tre devono essere dedicate all'addestramento pratico. Durante le lezioni si concentra l'attenzione sul riesame della macchina, sul controllo delle sicurezze, sulle verifiche relative alla struttura e al funzionamento del mezzo. Qualora fosse necessario e in accordo con le ragioni espresse dall'ente accreditato, potrà essere richiesta anche una prova pratica. In questo caso, verrano verificate e analizzate le caratteristiche del mezzo direttamente sul carrello elevatore. Lo staff di Sicurema saprà offrirvi tutti i dettagli sul calendario e sui costi dei corsi di aggiornamento.

 

Per informazioni dettagliate sul corso carrellisti e per una consulenza le modifiche dei mezzi che meritano l'aggiornamento, telefonate in sede