BLOG

Circolare del Ministero della Salute del 12 Aprile 2021

Indicazioni procedurali circa la riammissione in servizio dopo assenza per malattia COVID-19 correlata e la certificazione che il lavoratore deve produrre al datore di lavoro.
 
Le fattispecie che potrebbero configurarsi sono quelle di seguito indicate:

A) Lavoratori positivi con sintomi gravi e ricovero: al fine di verificare l’idoneità alla mansione indipendentemente dalla durata dell’assenza per malattia saranno sottoposti a visita medica.

B) Lavoratori positivi sintomatici: possono rientrare in servizio dopo un periodo di 10 giorni, di cui almeno 3 giorni senza sintomi + test negativo.

C) Lavoratori positivi asintomatici: possono rientrare in servizio dopo un periodo di 10 giorni + test negativo.

D) Lavoratori positivi a lungo termine: soggetti che continuano a risultare positivi al test molecolare per SARS-CoV-2 e che non presentano sintomi da almeno una settimana possono interrompere l’isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi; , i lavoratori positivi oltre il ventunesimo giorno saranno riammessi al lavoro solo dopo la negativizzazione del tampone molecolare o antigenico (nel caso in cui il lavoratore non possa essere adibito a modalità di lavoro agile, dovrà essere coperto da un certificato di prolungamento della malattia rilasciato dal medico curante);

E) Lavoratore contatto stretto asintomatico: dopo aver effettuato una quarantena di 10 giorni dall’ultimo contatto con il caso positivo, si sottopone all’esecuzione del tampone.
 

Consulta il documento integrale qui.