BLOG

Apparecchi di sollevamento: quando l'immatricolazione è obbligatoria?

Il documento Inail “ Apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile. Istruzioni per la prima verifica periodica ai sensi del d.m. 11 aprile 2011” definisce cosa si intende per apparecchi di sollevamento di tipo mobile e cioè gli “apparecchi destinati a sollevare e movimentare nello spazio, carichi sospesi mediante gancio o altri organi di presa, in grado di muoversi senza vie di corsa o binari”.
Il Decreto Ministeriale 11 aprile 2011 prevede che il datore di lavoro che possiede un apparecchio di sollevamento di tipo mobile “provveda a dare comunicazione di messa in servizio all’unità operativa territoriale Inail”. Tale comunicazione, dal 27 Maggio 2019, deve essere inoltrata esclusivamente attraverso il portale messo a disposizione dall’INAIL, denominato CIVA.
In particolare, per gli escavatori che possono essere utilizzati anche come apparecchi di sollevamento materiali, è obbligatoria la denuncia e l’immatricolazione all’INAIL qualora la macchina possieda già all'uscita dalla fabbrica le caratteristiche tecniche richieste dalla normativa.
La macchina resta comunque un escavatore che, svolgendo anche saltuariamente la funzione di apparecchio di sollevamento, viene classificata ai soli fini degli adempimenti amministrativi come “escavatore/gru” e deve essere quindi inserita nella tipologia “autogrù”.
 
Che cosa si rischia per la mancata immatricolazione?
 
Le sanzioni a carico del datore di lavoro, del dirigente e del concedente in uso vanno dall'arresto da tre a sei mesi o ammenda da 3.071,27 a 7.862,44 euro, per i noleggiatori invece è previsto l'arresto da tre a sei mesi o ammenda da 12.285,06 a 49.140,26 euro. 
Ricordiamo infine che le caratteristiche tecniche e di sicurezza che la macchina deve avere sono indicate nelle norme UNI EN 474-1 relative alle macchine movimento terra e alla UNI EN 474-5 specifica per gli escavatori idraulici.
 Tutte le operazioni che possono effettuate con tali attrezzatture sono riportate nel manuale di “Uso e manutenzione” fornito a corredo della macchina.
Inoltre l'escavatore, per essere utilizzato come apparecchio di sollevamento, deve possedere i seguenti requisiti:
  • Essere equipaggiata di valvole di blocco che intervengono in caso di rottura di tubi del circuito oleodinamico;
  • Essere provvista di uno specifico punto di aggancio sulla macchina, o in alternativa, di uno specifico accessorio (come ad esempio il gancio); tale accessorio deve essere progettato contro lo sganciamento accidentale e deve essere in grado di resistere a un carico pari a due volte la capacità nominale di sollevamento;
  • Riportare in cabina un'apposita tabella sulla quale vengono indicate le capacità di carico della macchina nelle diverse configurazioni e posizioni;
  • Possedere un allarme acustico o visivo che indichi all’operatore in cabina il sopraggiungere del limite della capacità di sollevamento.