BLOG

Addetti primo soccorso aziendale: il ruolo, la normativa, la sicurezza sul lavoro

La disciplina sul primo soccorso e la sicurezza

Dalla valutazione dell'emergenza sanitaria fino all'allerta dei soccorsi, gli addetti al primo soccorso aziendale sono fondamentali per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Nel corso degli anni, questa figura è stata disciplinata dalla normativa in modo capillare per offrire indicazioni chiare in qualsiasi settore industriale. In linea generale, il soggetto designato al primo soccorso dal datore di lavoro ha l'onere di compiere un insieme di azioni e interventi il cui fine è quello di preservare l'incolumità dell'infortunato in attesa del personale medico-sanitario. La figura individuata per svolgere tale compito deve avere i requisiti fisici ed emotivi adatti e, inoltre, deve seguire corsi di formazione specifici. Di seguito, entriamo nel dettaglio delle norme, delle responsabilità e dei corsi per addetti al primo soccorso aziendale. Per maggiori dettagli, non esitate a contattare gli uffici di Sicurema.

La disciplina sulla sicurezza e le attività di primo soccorso sul lavoro

La normativa sul primo soccorso aziendale

Le norme generali relative al primo soccorso nell'ambiente di lavoro sono contenute nel D.Lgs. 81/08 all'articolo 45. La distinzione più importante da tenere in considerazione è quella fra “primo soccorso” e “pronto soccorso”. Più chiaramente, il responsabile di primo soccorso non ha competenze mediche profonde e, dunque, non ha l'onere di intervenire sull'infortunato. Diversamente, questi deve fare ciò che è nelle sue possibilità per tutelarne la vita in attesa degli operatori di pronto soccorso. Il D.Lgs. 81/08 rimanda al D.M. 388/03 per la classificazione delle aziende (e per la seguente attribuzione di classi e corsi obbligatori), per identificare le attrezzature di primo soccorso, per identificare i requisiti formativi degli addetti al primo soccorso.

Le responsabilità degli addetti al primo soccorso

Va da sé, che l'addetto al primo soccorso si fa carico di responsabilità gravi in caso di infortunio sul lavoro. In particolare, è tenuto a svolgere una serie di compiti. In primo luogo, alla figura spetta la responsabilità di riconoscere l'emergenza sanitaria anche accertandosi delle condizioni del dipendente infortunato. Di seguito, toccherà avvisare le squadre di soccorso ed effettuare tutte le manovre di primo soccorso necessarie per far in modo che le condizioni cliniche non vedano un peggioramento. Nello specifico, dovrà avere le competenze mediche necessarie per offrire un contributo significativo in caso di arresto cardiaco o respiratorio, traumi, shock, crisi, reazioni allergiche e altri fenomeni che riguardano la salute del collega.

Primo soccorso: corsi di abilitazione e aggiornamento

L'addetto al primo soccorso deve obbligatoriamente essere istruito in modo da conoscere: i rischi dell'attività, una serie di competenze mediche generali e relative all'ambiente di lavoro specifico, le modalità di allerta delle squadre di pronto soccorso, le procedure di intervento. Tutte queste nozioni e abilità possono essere apprese e maturate solo all'interno di un percorso formativo specifico. La norma prevede termini e tipologie di corsi (pratici e teorici) a seconda dell'impresa. La formazione per i responsabili dei gruppi B e C è di 12 ore, mentre per il gruppo A è di 16 ore. Allo stesso modo, l'aggiornamento per gli addetti di imprese appartenenti ai gruppi B e C è di 4 ore; mentre, per quelli del gruppo A è di 6 ore.

 

Per maggiori informazioni sui corsi pratico-teorici, non esitate a contattare la sede di Sicurema